La stazione MeteoArdea

MeteoArdea è nato dall’incontro di due passioni: la meteorologia e Internet. Tutto è iniziato con una centralina meteo PCE-FWS 20 dotata di sensori esterni wireless giunta in regalo da mia moglie e mio figlio nel 2013 il giorno del mio 55° compleanno. All’epoca mio figlio era studente del 4° anno dell’Istituto Tecnico Trasporti e Logistica (Indirizzo Aeronautico) “F. De Pinedo” di Roma e quindi direttamente interessato allo studio della meteorologia.

Ricercando le caratteristiche del regalo su Internet (peraltro già ampiamente valutato grazie alle indicazioni del sito Meteolab) mi imbattei in un sito che pubblicava in tempo reale i dati della medesima centralina su Internet. Il software che accompagnava la centralina non permetteva nativamente di pubblicare i dati su Internet, lo fa invece gratis il software Cumulus a patto di collegare un PC da tenere acceso H24.

Francamente, non mi sono sentito di lasciare il PC acceso per tanto tempo, ma quando ho letto che il sito segnalato impiegava un computer linux “embedded” del costo di poco più di 50 Euro, la curiosità aumentò e approfondii la lettura del blog del gestore.

Scoprii così che il PC era un Raspberry Pi, un calcolatore implementato su una sola scheda elettronica sviluppato dalla Raspberry Pi Foundation con l’idea di realizzare un dispositivo economico, concepito per stimolare l’insegnamento di base dell’informatica e della programmazione nelle scuole.

La Raspberry Pi Foundation è infatti un’organizzazione di beneficenza, registrata presso la Charity Commission for England and Wales, il cui scopo è:

promuovere lo studio dell’informatica e di argomenti correlati, soprattutto a livello scolastico, e di riportare uno spirito di divertimento nell’apprendimento del computer.

Fatta qualche prova con il software Cumulus, ho studiato più a lungo il sito meteostrada.grechi.it, dal quale ho tratto ulteriori informazioni riguardanti l’impiego del software Sint Wind Pi. Ho così scoperto che il software era stato sviluppato per dare risposta alle esigenze di un gruppo di appassionati di volo libero e parapendio (http://www.vololiberomontecucco.it/).

Senza ulteriori remore, finalmente decisi di acquistare il Raspberry e mi misi all’opera per creare questo sito che non ha certo l’aspirazione di sostituirsi a enti meteorologici ben più qualificati, ma rappresenta semplicemente un piacevole esperimento possibilmente utile alla comunità nella quale vivo…